Things to do | Secret Britain | Piccoli musei gemme nascoste

Piccoli musei gemme nascoste

Di Graham Spicer

I musei e le gallerie della Gran Bretagna, con l'ottimo livello delle collezioni che ospitano, sicuramente attirano le masse. Il British Museum, da solo, accoglie più di quattro milioni di visitatori l'anno.

Ma se sei alla ricerca di qualcosa di davvero speciale e lontano dalla pazza folla, le alternative non mancano. Potremmo parlarti del  Lawnmower Museum, il Pencil Museum o persino del  Bakelite Museum – (Museo della Bachelite), dove potrai rendere omaggio al precursore della moderna plastica! Ci sono dozzine di luoghi nascosti, affascinanti e decisamente fuori dal comune che non mancheranno di entusiasmarti. Molti di essi sono lontano dalle rotte turistiche più battute, altri appena girato l’angolo rispetto agli itinerari classici.

Il sud ovest della  Cornovaglia.  è famoso per i suoi panorami e il ricco patrimonio storico, e la città di St Ives, lungo la costa settentrionale, ha attratto e ispirato per molti anni numerosi artisti. La scultrice Barbara Hepworth, contemporanea di Henry Moore e forse altrettanto autorevole, si stabilì qui, e oggi il Barbara Hepworth Museum and Sculpture Garden, gestito dalla vicina Tate St Ives, espone dozzine delle sue opere in legno, bronzo e marmo, messe in risalto come lei stessa, prima della sua morte (1975), aveva chiesto di fare.

Il giardino è uno splendido luogo dove meditare sui legami tra arte e natura: anche se le opere della Hepworth sono decisamente astratte, in esse si coglie facilmente quanto la bellezza delle colline e delle coste circostanti influenzarono l’artista.

Lincoln’s Inn Fields, nel cuore del quartiere degli affari, è un’elegante piazza londinese ben conosciuta dagli avvocati che lavorano in zona ma poco frequentata dalle folle che si riversano nella vicina Covent Garden. E’ uno dei musei più belli e meno conosciuti di Londra, posizionato in maniera del tutto anonima nel bel mezzo di una serie di casette a schiera.

La modesta coda fuori dal suo ingresso è il segnale dell’esistenza del Sir John Soane’s Museum. Vale davvero la pena di attendere per entrare, perchè a lasciare incantati non è soltanto la ricchezza della collezione ospitata, ma anche lo splendore delle decorazioni interne e il modo in cui gli oggetti sono esposti.

Ogni camera è piena zeppa di dipinti rari, sculture e oggetti d’antiquariato raccolti dall’architetto Soane (da non confondersi con Sir Hans Sloane, la cui collezione d’arte diede inizio alla fondazione del British Museum) tra il 1780 e il 1837, anno in cui morì. I curatori successivi furono obbligati a mantenere il museo nello stato in cui Soane lo lasciò al momento della sua morte, e la straordinaria varietà di oggetti esposti uno accanto all’altro rende la collezione un vero piacere per gli occhi.

A sud di Londra, nascosto a debita distanza dal lungofiume e dai pontili di Southwark, si trova l’ Old Operating Theatre Museum and Herb Garret, uno dei luoghi più curiosi da visitare in città. Si tratta della più vecchia camera operatoria del Paese, ubicata nel sottotetto della Chiesa di St Thomas.

Se mai ti è capitato di lamentarti per il ritmo frenetico della vita moderna, una visita a questo museo ti farà apprezzare, se non altro, il fatto che oggi l’anestesia sia di uso comune. Prima del 1847 i chirurghi non avevano modo di addormentare in sicurezza i propri pazienti e, peggio ancora, operare in epoca vittoriana significava avere di fronte un’intera platea di studenti di medicina. E’ infatti così che nacque il termine inglese operating theatre, termine con cui ancora oggi vengono chiamate le sale operatorie.

Se le operazioni erano dolorose, se non altro erano rapide: un chirurgo esperto poteva procedere con l’amputazione di una gamba in meno di un minuto. Qui potrai vedere un originale tavolo operatorio (in legno) e conoscere tutti i cruenti dettagli legati all’uso che ne veniva fatto.

Potrai anche unirti a una visita guidata o partecipare a uno degli eventi speciali che si tengono regolarmente qui, caratteristici dei musei e delle attrazioni di minor importanza del Paese. Anche se non sono in grado di mettere in mostra reperti di grande richiamo come i loro omologhi più importanti, essi possono essere davvero interessanti e molto divertenti.


Persone che hanno visto questa pagina hanno guardato anche...