OMGB > Fai shopping in stile British

Fai shopping in stile British

Scoprire i negozi più particolari di Carnaby Street, perdersi nel paradiso delle scarpe di Harrods, venire catapultati in un'altra epoca grazie agli abiti vintage di Bath...Quale sarà il tuo momento #OMGB?

Scopri mondo degli unicorni e le scarpe di Mary Poppins in Carnaby Street

Carnaby Street è il centro di un quartiere elegante con brio nel cuore del West End: si concede sempre il lusso del gioco, il piacere dello stupore. Culla della Swinging London degli anni ’60, seconda casa di Mod, Punk e Skinhead, conserva ancora un spirito creativo e ribelle nonostante la normalizzazione degli ultimi anni e l’invasione di brand utranoti.

Lo si vede ogni dicembre nelle luminarie natalizie che strabiliano i passanti o nelle installazioni d’arte permanenti, come le grandi lampadine cangianti appese sopra Ganton Street o la donna che cammina di Julian Opie in Broadwick Street.

Ma basta anche mettere piede in qualche negozio speciale per sentirsi catapultati in un altro mondo. Entrando da Irregular Choice, ad esempio, ci si trova in un batter d’occhio nel mondo degli unicorni. Indossare un paio di scarpe qui è come sentirsi diventare arcobaleno. A metà strada tra le calzature di un elfo e quelle delle Pink Ladies di Grease, le scarpe della designer Danny Sullivan sembrano custodire un potere magico: quello della fantasia che permetteva a Mary Poppins di danzare volando sui tetti di Londra. Indossarle ti fa sentire gioiosa e invincibile, la protagonista di un libro pieno di incanti.

Speciali anche i gioielli di Mor o quelli più cattivi di The Great Frog, gli occhiali di Cubitts, gli abiti di Dahlia e di Lazy Oaf, i gadget di WeBuiltThisCity e molto altro.

Dopo lo shopping, entrate in Kingly Court e lasciatevi sedurre dai mille ristorantini che vi troverete.

 

Sentiti elegante come Kate Middleton nel paradiso delle scarpe di Harrods

Harrods è un’icona di Londra, la Mecca del lusso europeo.

Harrods significa perdersi tra i profumi, i gioielli, la pelletteria, le scarpe, i cibi, i giocattoli e gli abiti più belli e costosi al mondo, distribuiti sui 7 piani di questo tempio dello shopping d’alta classe.

Dal 2012, al primo piano di Harrods si trova uno spazio davvero speciale pensato per le amanti di Manolo Blahnik, il leggendario fashion designer che ha messo sogni ai piedi di molte donne: un boudoir della scarpa dove poter provare i suoi modelli più famosi così come quelli dell’ultima collezione. Sullo stesso piano - un vero paradiso di 42.000 metri quadri senza rivali al mondo - Jimmy Choo, Christian Louboutin (la trinità delle calzature femminili) e altri 47 designer.

È un niente sentirsi eleganti come Kate Middleton, percepire il fascino travolgente della classe, desiderare quella camminata irresistibile, guardarsi i piedi e volerli vestiti di qualcosa di indimenticabile che vi accompagnerà poi nei momenti glamour della vostra vita.

Qualsiasi modello sceglierete di comprare, potrete indossarlo subito e dirigervi verso la Caviar House per concedervi ostriche e champagne. Situata nella magnifica Food Hall di Harrods, dove è possibile trovare prelibatezze provenienti da ogni parte del pianeta, l’Oyster Bar è il luogo ideale per celebrare in bellezza la vostra giornata immersi nel lusso di Harrods, nel suggestivo cuore di Londra.

Immergiti nel Paese delle Meraviglie dello shopping indipendente

Chi ama i designer indipendenti non ha vita facile di questi tempi ma, in un mondo in cui per i piccoli c’è sempre meno spazio, Londra può ancora sembrare una sorta di Paese delle Meraviglie. Ci sono tanti quartieri in cui artigiani, artisti e creativi riescono a ricavarsi un piccolo spazio dal quale insinuare rivoluzione nel mercato: Shoreditch, Brixton, Greenwich, Hackney, Camden e molti altri. Soprattutto intorno ai mercati rionali, è tutto un fiorire di boutique e laboratori.

Una storia emblematica è quella della designer Joy Everley che, dopo i primi anni alle bancarelle di Covent Garden, dal 1998 produce e vende i suoi gioielli in un negozio delizioso del Newburgh Quarter (Soho). Le sue collezioni sono popolate di elementi naturali – conigli, foglie, pigne, ragni, stelle - le mensole della boutique sono abitate dai personaggi dei boschi e delle campagne inglesi. Una commistione di terra e cielo, un legame fecondo con il paesaggio per un risultato estremamente glamour.

Se invece preferite gli abiti, andate da Merchant Archive o Wolf & Badger, che vende le collezioni di oltre 600 fashion designer indipendenti. Labour & Wait se siete appassionati di articoli di design per il giardinaggio e la cucina, YCN se vi piacciono le stampe e la grafica. Se fate un salto al Broadway Market non perdete la 69b Boutique, che vende solo moda sostenibile.

Lasciate le grandi vie principali e tuffatevi nelle stradine alle loro spalle, tra i mercati e nelle piazzette, dove scoprirete molti talenti inaspettati e troverete il pezzo unico che più fa per voi. 

Scopri le storie nostalgiche del mercato delle pulci di Lewes

Una vecchia chiesa sconsacrata ospita uno dei migliori mercati delle pulci del Regno Unito, quello di Lewes, vicino a Brighton, nel Sussex.

Circondato da deliziosi negozi di antiquariato, il mercato è un emporio di storie andate, prima che di oggetti e cianfrusaglie.

Vecchi dischi e valigie di pelle, libri usati e tazze di ceramica, oggetti da collezione e poltrone, sedie liberty da giardino e bambole: camminare per i 5000 mq di questo mercato coperto è come sbirciare nelle vite di migliaia di sconosciuti, entrare nelle loro case, ereditarne le passioni e i ricordi.

Sdraiette da mare che hanno probabilmente contemplato il Canale della Manica per anni, gabbiotti colorati in cui ci si infilava il costume sulle spiagge ventose del sud dell’Inghilterra, insegne vintage di pub dove si è sicuramente festeggiato tanto: tracce di vacanze e felicità un po’ sgualcite e tanto poetiche.

Non si ha l’impressione di entrare nelle cantine delle case di villeggiatura abbandonate di qualche famiglia, ma ci si sente piuttosto come qualcuno che può riportare in vita un sentimento, donare una seconda possibilità a qualcosa.

Che scegliate una bicicletta a cui far conoscere un’altra parte di mondo o una lampada che dia luce a notti nuove, il potere delle storie e la benedizione del riuso saranno con voi.

Lasciati conquistare dalla bellezza delle stoffe Liberty

Da fuori un edificio bellissimo in stile Tudor che si distingue da tutto ciò che gli sta intorno, dentro uno scrigno di design britannico che ha fatto la storia dello stile.

Camminando attraverso le stanze e salendo le scalinate di questo emporio disegnato negli anni ’20 da Edwin Thomas Hall, a metà strada tra una grandiosa casa borghese e un teatro a balconate, si scoprono stampe ed essenze, agende, foulard e profumi. Ma è solo al terzo piano che si scopre il vero motivo del suo grande prestigio: tessuti unici al mondo esposti su scaffali e tavoli, pronti per essere guardati ma soprattutto toccati. Magari scelti, modellati, indossati.

Sete giapponesi, cotoni indiani e lane del Kashmir hanno fatto la reputazione di questo tempio delle stoffe fin dal 1862 e la creazione del cotone Tana Lawn – tanto morbido da sembrare seta - ha poi definitivamente consacrato il Liberty come punto di riferimento mondiale del tessile.

Stilisti prestigiosi hanno prestato la loro arte per arricchire le fantasie dei tessuti Liberty, piene soprattutto di fiori e natura.

Fate scorrere le mani tra rotoli, onde, strati e gomitoli, lasciandovi conquistare da sensualità e morbidezze, freschezza e tepori. Poi guardate i colori e le forme a cui Vivienne Westwood ha donato la sua rivoluzione, Nike la sua energia, Yves Saint Laurent l’immensa raffinatezza, Kenzo la sua grinta, Dr Marten’s il suo spirito ribelle, facendo impazzire appassionati e collezionisti.

Una grande esperienza epidermica e visiva.

Perditi tra i tè di Fortum & Mason

Entrando da Furtum & Mason si ha l’impressione di trovarsi immersi in un mondo dove il tempo si è fermato e nel quale il rito inglese del tè delle 17:00 è vissuto con gioiosa ed elegante sacralità.

Camminando tra scatole di biscotti al burro e cioccolatini, vasetti di marmellate e conserve, si arriva all’area dedicata ai tè e agli infusi e lì si viene risucchiati da una bolla aromatica che profuma di Estremo Oriente.

Su di un tavolo circolare, in mezzo a barattoli di design, bilancini di ottone e uomini in livrea, è esposta una serie di vasetti in plastica trasparente pieni di foglie di tè: avvicinandosi, si può iniziare un viaggio sensoriale contemplandone la consistenza, la forma, i colori. Aprendoli e portandoli al naso, se ne può inalare il profumo. Chiudendo gli occhi, vi sentirete trasportati nelle piantagioni dell’Asia, sentirete il tepore del sole con cui sono cresciute, il fumo con cui sono state magari affumicate. Percepirete il legno in cui sono state trasportate, vedrete i velieri e le onde del mare e i lunghi viaggi.

Conoscerete la forza dei tè del mattino, l’impertinenza dei tè da cerimonia e la delicatezza di quelli della sera.

E questa non sarà che la prima tappa nel mondo incantato di Fortum & Mason, in cui troverete ogni sapore e ogni oggetto capace di ricreare la calda atmosfera di un perfetto salotto inglese.

Trascorri una notte col Grande Gatsby grazie agli abiti vintage di Bath

Il Regno Unito è la meta perfetta per gli amanti del vintage, il luogo ideale in cui trovare molte tentazioni e infiniti appagamenti. Londra offre un incredibile ventaglio di possibilità, dalle Car Boot Sale ai negozi più famosi (Beyond Retro, Absolute Vintage ecc.), passando attraverso mercati e quartieri dall’anima vintage: Brick Lane, Spitafield Market, Greenwich Market, Covent Garden, Camden Market. Anche altre località del Regno sanno però riservare grandi sorprese, come lo strepitoso “Revival” organizzato a Goodwood.

Nella meravigliosa Bath c’è una strada dello shopping famosissima sin dai tempi di Jane Austen: si chiama Milsom Street, ed è la via di “Vintage to Vogue”, un negozio di accessori e abiti sartoriali in cui cercare anche ispirazione e consigli. Un punto di riferimento talmente importante per il panorama del vintage inglese che qui sono stati scelti ben 45 abiti per la serie Downton Abbey. Al “Vintage to Vogue” troverete chi vi guida suggerendovi il dettaglio mancante o mostrandovi l’intero guardaroba per un’immersione totale nello stile del secolo scorso. Dagli anni ’20 fino agli anni ’80, potrete scegliere cosa rivivere e chi essere per qualche ora o ogni giorno. In qualche manciata di minuti è possibile trovarsi proiettati nell’estate newyorkese del 1922, quando Jay Gatsby cercava di riconquistare la sua amata Daisy Fay. Lo faceva anche vestendo abiti di flanella rosa o bianca e cravatte color oro, per mettere in risalto la sua opulenza. Intorno a lui, ragazze con ai piedi le Mary Jaine dal tacco medio, tuniche di pailettes, stole e fili di perle: erano le flapper dell’era del jazz, le protagoniste di quelle lunghe e rumorose notti di Long Island. Chi ama viaggiare nel tempo non ha che da scegliere l’epoca e la storia che desidera rivivere, e partire.

Scopri le giacche calde e l’elegantissimo Tweed della Scozia

L’inverno nel Regno Unito non lo si affronta con giacche a vento e piumini, ma con giacche e cappotti di tweed, tartan, maglioni in pura lana vergine e sciarpe in cashmere.

La Scozia, in particolare, è costellata di negozi accoglienti come baite che vendono i tessuti più caldi e morbidi del mondo. Qui il lavorar la lana è da secoli un’arte.

I maestri scozzesi non si sono limitati a trattare in modo eccelso quella delle proprie pecore, come le Shetland, ma sono diventati anche i migliori artigiani nel trattamento del vello delle capre cashmere dell’Asia. Nella sola città di Edimburgo è possibile trovare decine di stilisti che hanno saputo sfruttare questa grande conoscenza dei tessuti invernali per guadagnarsi una reputazione internazionale: Lochcarron, Johnstons of Elgin, Brora, Belinda Robertson, House of Bruar.

Non si parla solo del famosissimo Tartan, ma anche dell’elegantissimo Tweed. I sarti di Walker Slater, ad esempio, usano per tradizione solo l’Harris Tweed, prodotto escusivamente nelle isole Ebridi Esterne e protetto da un Atto del Parlamento del 1993. Giacche, abiti e accessori che sembrano usciti da un romanzo d’epoca.

Entrare in uno dei loro negozi è come mettere piede nella quintessenza della Scozia, un tuffo in quelle colline verdissime su cui scende la bruma, nei salotti dove si sorseggia whisky di fronte al camino acceso mentre arriva la sera.

Scopri gli altri momenti:

Musica
Piatti tipici
Luoghi iconici
Vie pittoresche
Film
Le Highlands
Galles
Le Cotswolds