Curiosità su alcuni Borough di Londra

by Gianluca Vecchi & Giovy Malfiori
Monday 02 March 2020

Lo sapevi che, fino a un certo momento storico, Londra era solo la parte di città che si trovava sulla riva nord del Tamigi? Eh già. Ai tempi di Shakespeare, giusto per fare un esempio, il famoso Globe Theatre si trovava fuori Londra. La sponda sud del Tamigi non era già più territorio della città e, per decreto reale, i teatri e alcuni altri luoghi di ritrovo pubblico, dovevano tenersi fuori dai margini cittadini. Una delle cose più evidenti dell’area metropolitana di Londra è che la capitale britannica sia una città-puzzle, ovvero fatta dall’aggregazione di tante altre realtà urbane. E queste realtà si chiamano Borough. Ce ne sono alcuni dalla storia molto interessante.

Lambeth


Lambeth è la zona di Londra che si trova su South Bank e dietro la stazione di Waterloo. Si tratta di una zona interessante, per la presenza del regno del teatro immersivo made in London: The Vaults. Lambeth fu, proprio nell’epoca di Enrico VIII, il luogo in cui visse la famigerata Bloody Mary, ovvero Maria la Sanguinaria, la prima figlia di quel celebre re e sorella di Elisabetta I. In quei tempi, Lambeth era – per dirla con luogo comune tipicamente italiano – “tutta campagna”. Quando entrò a far parte di Londra? Nel 1829.

 

Camden


Camden Town, per suo stesso nome, è una città nella città e non ci potrebbe essere definizione più chiara e limpida di questa. Il nome è nato alla fine del XVIII Secolo per designare l’area di proprietà del Conte di Camden, per l’appunto. Come già saprai, trattandosi ora di uno dei quartieri più visitati di Londra per la sua cultura punk, rock e per i suoi mercati, Camden si trova nel nord-ovest della città ed è attraversato dal Camden Canal, una delle piccole e grandi bellezze acquatiche della capitale.

 

Waltham Forest


Londra possiede alcuni borough piuttosto boscosi. Hai mai sentito parlade di Waltham Forest o di un luogo chiamato Hackeny Heath? Ecco, sono solo due esempi. Waltham Forest include anche Eppin Forest e si trova nel nord est di Londra. Questo è uno dei borough con la storia più antica di sempre: era abitato già all’età del ferro e divenne parte del regno Sassone, molto prima di altri territori circostanti. Waltham Forest ha vissuto una grande stagione in concomitanza con i giochi olimpici del 2012 quando, proprio in zona, sono stati costruiti alcuni degli impianti per le Olimpiadi. Qui si trova, infatti, il Queen Elizabeth Olympic Park.

 

City of Westmister


Parliamo ora di uno dei borough che “più Londra non si può”: Westminster. Girando dalle parti della House of Parliament o della Cattedrale di Westminster, ti sarà capitato di notare i cartelli con i nomi delle vie. Westminster è definito “City of Westminster”. Perché? La risposta è semplice: si tratta di una vera e propria città nella città (almeno formalmente, ai nostri tempi) con un proprio “council”. Prima dell’arrivo dei Normanni, il re Edoardo il Confessore costruì la prima abbazia e, di fianco a essa, un palazzo.  Se guardiamo la mappa di Londra, non ci potrebbe essere più cuore della città di questa parte della capitale, anche in quanto a luoghi da vedere e ammirare. Sei d’accordo?

 

Autore

Gianluca Vecchi & Giovy Malfiori

Consulenti di Web Marketing e Comunicazione per lavoro, Blogger innamorati della Gran Bretagna per passione.

Sito web | Vedi tutti i post di questo autore

Nuovi articoli

Ricetta del Cornish Pasty

vassoio con una serie di cornish pasty crudi
Ricetta del Cornish Pasty

8 classici britannici per sognare nuovi viaggi in Gran Bretagna

8 classici britannici per sognare nuovi viaggi in Gran Bretagna

Letteratura e viaggi: ispirazioni e classici senza età per il tuo viaggio in Gran Bretagna

Letteratura e viaggi: ispirazioni e classici senza età per il tuo viaggio in Gran Bretagna

Le location del film Emma in Inghilterra

cottage tradizionale a Lower Slaughter.
Le location del film Emma in Inghilterra

7 esperienze virtuali per visitare i giardini della Gran Bretagna

La Temparate House à Kew Gardens.
7 esperienze virtuali per visitare i giardini della Gran Bretagna