Galles del nord: #ioviaggioper fotografare

by Federico Graziati
Thursday 26 July 2018

La Gran Bretagna offre tantissimi spunti per un fotografo di paesaggi ma, quando si ha poco tempo, trovare un’area con molti posti fotogenici e vicini tra loro non è poi così semplice.

Per fortuna il Galles del Nord viene in aiuto di chi vuole vivere di giorno nella natura incontaminata e la sera avere tutte le comodità del caso. Tantissimi posti da visitare in solo 4 giorni per tornare a casa con centinaia di foto incredibili.

In qualsiasi stagione oltre all’equipaggiamento fotografico ricordatevi delle scarpe da trekking e vestirvi a “cipolla”.

Prima tappa: L’avvicinamento

Non ci sono aeroporti internazionali nel nord del Galles quindi il punto di partenza (e arrivo) sarà Manchester o Liverpool.

Faro di Point of Ayr, Gwrych Castle e Llandudno. 3 spot completamente differenti.

Il primo un faro che si erge solitario nel mezzo di una spiaggia sabbiosa. Una pace incredibile.

Il Gwrych Castle invece è un maniero incastonato nella roccia, l’accesso è vietato ma la posizione nel mezzo di un giardino è incantevole

L’arrivo di tappa invece è la cittadina balneare più famosa dello stato. Incastonata in una baia con al limitare due grandi scogliere, le sue case vittoriane lungo la costa e il suo Piers (il più lungo del Galles) offrono tanti punti di vista per creare scatti di sicuro impatto.

Seconda tappa: La magia più grande

Il secondo giorno è sicuramente il più emozionante. Convy con il suo castello e i 3 ponti paralleli, perfetto per degli scatti di ogni tipo, dallo street alla paesaggistica; potrete usare quindi qualsiasi lente, dal grandangolo al teleobiettivo.

Il Penrhyn Castle non è molto distante ed è una fermata obbligatoria perché è come essere catapultati nelle favole. Il suo giardino multicolore con vista sul mare e la sua architettura austera rendono il posto incantevole. All’interno poi, tra le grandi stanze dai soffitti altissimi, una raccolta di opere d’arte incredibile e un museo della ferrovia.

Una sosta veloce per due scatti al Menai Bridge e benvenuti nell’isola di Anglesey. Qui si scoprirà il Llynnon Mill, l’ultimo mulino a vento con mola in pietra ancora funzionante e datato XVIII secolo.

Poi attenzione alle maree per andare a fare il tramonto nell’isola di Ynys Llanddwyn (attenzione si può davvero rimanere bloccati per tutta la notte). Questo probabilmente è il luogo che da solo merita una vacanza nel Galles del Nord. Un mulino convertito a faro (ora non più in funzione), delle rovine di un santuario, una spiaggia dorata e una riserva naturale. Insomma il perfetto mix per un fotografo.

La notte non ci si ferma! Destinazione faro di South Stack. Arroccato su un’isoletta collegata da un ponte d’acciaio alla terraferma, la costruzione si staglia contro il mare. Qui nelle belle nottate senza luna si riesce a intravedere anche la costa Irlandese. È sicuramente il faro più suggestivo del Galles.

Terza tappa: dal mare ai monti

L’ultimo faro di questo giro è il Penmon lighthouse, un edificio a righe bianche e nere che si staglia in uno stretto con una corrente molto forte. Insomma un posto perfetto per le lunghe esposizioni.

C’entra poco con la fotografia ma prima di lasciare l’isola di Anglesey non si può fare uno stop a Llanfairpwllgwyngyllgogerychwyrndrobwllllantysiliogogogoch, il paese con il 2° nome più lungo del mondo. Migliaia di turisti si fermano nella sua stazione solo per uno scatto con il cartello con il nome del paese.

Tornando nella terraferma, in meno di mezz’ora direzione sud, si giunge nel Parco Naturale di Snowdonia. Il territorio qui è aspro e molte vallate hanno torrenti e laghi. Il consiglio è vagare un po’ fino a che non trovate la location adatta a voi. Due bellissimi posti dove fare il tramonto sono il Tryfin e il Llyn Stwlan. Attenzione che per quest’ultimo si necessita di qualche ora a piedi per raggiungere il lago artificiale.

Quarta tappa: un salto nel passato

Llamberis è un po’ la città regina di Snowdonia. Da qui infatti partono 3 ferrovie a vapore nate nel 1800. Sicuramente la più emozionante è quella che porta in cima al monte Snowdon, il più alto del Galles. Da qui godrete un panorama incredibile a 360°.

Dopo essere tornati in paese con circa 20 minuti di cammino si possono raggiungere le cascate di Ceunant Mawr, le più alte della regione.

Il giro è terminato quindi si dirige la macchina verso l’aereoporto da dove si è arrivati ma lungo la strada potrete trovare altri piccoli spunti per grandi foto come il bellissimo Pontcysyllte Acqueduct, un acquedotto ad archi di incredibile fascino.

Autore

Federico Graziati

Instagrammer e travel blogger per passione, web marketing manager di professione. Ama i road trip e l'outdoor. Sempre alla ricerca di mete poco conosciute e piatti tipici da provare.

Blog | Vedi tutti i post di questo autore

Nuovi articoli

Hastings, Battle e Rye: una perfetta gita fuori porta da Londra

Gite fuori porta da Londra
Hastings, Battle e Rye: una perfetta gita fuori porta da Londra

5 posti perfetti per il Digital Detox nel Dorset e Hampshire

Digital detox in Gran Bretagna
5 posti perfetti per il Digital Detox nel Dorset e Hampshire

5 cose inaspettate da fare a Londra

Cose inaspettate da fare a Londra
5 cose inaspettate da fare a Londra

7 cose da fare nel sud-est dell'Inghilterra

7 cose da fare nel sud-est dell'Inghilterra

Scottish Borders: un itinerario per scoprire la regione a sud di Edimburgo

Itinerario Scottish Borders
Scottish Borders: un itinerario per scoprire la regione a sud di Edimburgo