Gran Bretagna Romana: tutto quello che c'è da scoprire

by Gianluca Vecchi & Giovy Malfiori
Friday 10 July 2020

La Gran Bretagna ha subito tre grandi invasioni capaci di plasmare non solo la storia del paese ma anche la geografia di alcuni luoghi, lasciando testimonianze visibili anche al giorno d'oggi. Due invasioni sono dovute ai Vichinghi e ai Normanni. La prima grande invasione della Gran Bretagna ha avuto inizio, invece, nel 42 d.C, quando le legioni romane arrivarono sull'isola. L'occupazione della Gran Bretagna è durata fino al 410 d.C. circa e ha dato vita ad alcune bellissime città, lasciando dietro di sè strade, monumenti, piante e leggende. Ecco qualche indicazione per scoprire la Gran Bretagna romana.
 

Le ortiche

Ortiche

Forse questo paragrafo ti sorprenderà ma non potevamo iniziare senza raccontare questa cosa curiosa: la presenza delle ortiche in Gran Bretagna è dovuta proprio ai Romani. Prima che le legioni arrivassero sulle coste britanniche, infatti,  non esistevano piante di ortiche sull'isola. Sono state importate proprio dai soldati romani perché l'ortica era, per loro, una pianta molto utile: veniva cotta e mangiata oppure, sempre bollendo le sue foglie, si preparavano decotti antinfiammatori. Inoltre, le fibre della pianta potevano essere filate e quindi usate nella produzione degli indumenti. Ora potrai trovare ortiche ovunque e, nel caso ti pungessi, ricorda che tutto ciò è dovuto proprio all'espansione dell'antico Impero Romano.

La leggenda di Boudicca

Boudicca

Per iniziare a raccontarti i luoghi da vedere per scoprire la Britannia Romana dobbiamo darti appuntamento sul Westminster Bridge di Londra. Proprio sul lato del ponte opposto rispetto al Parlamento troverai un gran basamento (dove di solito c'è anche una bancarella di souvenir) sovrastato da una statua raffigurante una donna antica su una sorta di biga. Si tratta di Boudicca, in latino Bodicae. Questa donna fu la regina degli Iceni, popolazione che abitava nella zona che ora è occupata dall'Essex e dal Norfolk. Boudicca guidò, circa nel 60 d.C., una delle prime rivolte contro la dominazione romana. La sua azione fu così forte da arrivare vicina a convincere Nerone a ritirare le legioni. Fin qui la storia. Ora procediamo con la leggenda. Si dice, infatti, che la rivolta cessò perché Boudicca si innamorò di un generale romano (un tale Marco). I due scapparono per vivere assieme e non furono mai più ritrovati. Quello che è certo, al di là della leggenda, è che la figura di Boudica resta un caposaldo della fiera indipendenza britannica. Così saldo e forte da meritarsi una statua in un luogo così importante e in vista e così tanto da essere, spesso, accostata alla figura della Regina Vittoria. 

Colchester

Colchester

Torniamo all'AD 43 e spostiamoci in quella che oggi chiamiamo Colchester. Si tratta proprio di una città dell'Essex, contea a sud-est dell'Inghilterra. Colchester è il primo “castrum” romano sorto in Gran Bretagna, almeno secondo quanto trascritto da Plinio in Vecchio. Il nome della città romana era Camolodunon, appellativo derivante dal nome celtico del luogo. L'accampamento divenne presto città e Colchester accolse anche una visita trionfante dell'Imperatore Claudio. Cosa resta della romanitas del passato? Per ritrovare l'identità romana occorre visitare il castello di Colchester, nelle cui fondamenta sono ancora visibili i resti della città romana. Una quindicina di anni fa, inoltre, sono riemersi i resti di un circo romano.

Cirencester

Cirencester

Cirencester è una di quelle città che ti consigliamo di visitare se sei in viaggio per scoprire la zona delle Cotswolds. Fermati lì un giorno e vai in cerca della Britannia Romana! Questa città sorse quando le legioni romane iniziarono a puntare le terre dell'Ovest della Gran Bretagna. Cirencester nacque lungo la Fosse Way, una delle strade romane che univano gli accampamenti e gli insediamenti principali allora esistenti. Cosa vedere a Cirencester? Sicuramente il Corinium Museum e ciò che resta dell'anfiteatro romano e delle mura. 

Chester

Chester

Ammirata da molti come città dall'aspetto medievale, Chester è uno dei luoghi più romani della Gran Bretagna. I romani chiamarono questa città, che conserva interamente lo schema di vie tipicamente da castrum romano, Deva Victrix. Chester era una delle città più importanti di questa parte di Impero Romano. Anche qui potrai ammirare ciò che resta dell'anfiteatro che, al tempo, era il più grande mai costruito in Gran Bretagna. Probabilmente veniva usato per marce militari e l'addestramento delle truppe. A Chester troverai anche il Dewa Roman Experience Museum, dove fare un'esperienza interattiva che ti riporterà in quegli anni così distanti.

Leicester

Leicester

Leicester è una città delle Midlands che forse ricorderai per la sua squadra di calcio allenata da Ranieri. Leicester è un luogo molto interessante dove, qualche anno fa, venne ritrovato lo scheletro di Riccardo III. Non solo, Leicester è una delle città più multietniche di Gran Bretagna, dove la cucina indiana è di casa, dove si gioca del rugby spettacolare . Oltre a questo, troverai dei gran resti della Britannia Romana. Il suo nome latino fu Ratae e venne fondata nel I secolo d.c. In città potrai ammirare il Jewry Wall, ovvero ciò che resta di una casa romana di particolare importanza.

Manchester

Manchester

Manchester venne fondata dai romani nel 79 d.C. Come accampamento a metà strada tra York (che al tempo si chiamava Eboracum) e Chester. Si trattava di una sorta di posto di blocco e di controllo sul transito delle merci e delle persone lungo la strada romana che univa le due città. La posa delle pietre del castrum romano fu l'atto di nascita di questa grande città del nord dell'Inghilterra. Il tempo e lo sviluppo della città hanno distrutto le tracce romane ma qualcosa è ancora visibile (perché opportunamente ricostruito) nella zona di Castlefield. Fermati a dare un'occhiata mentre vai a vedere i canali caratteristici di questa parte di Manchester.

Il Vallo di Adriano

Vallo di Adriano

Il Vallo di Adriano è quel muro costruito dall'omonimo imperatore nel 122 d.C. per contenere le invasioni dei Pitti e dei Caledoni. Si trova attualmente circa una decina di miglia sotto il confine tra Inghilterra e Scozia e resta una delle più belle testimonianze delle presenza romana in Gran Bretagna. Il Vallo può essere percorso a piedi, in una sorta di trekking coast-to-coast. Lungo il suo percorso troverai resti di forti, accampamenti e anche Vindolanda, un museo a cielo aperto, costruito proprio dove si trovava  uno dei forti disposti lungo il Vallo di Adriano. Visitalo, non rimarrai deluso!

 

Autore

Gianluca Vecchi & Giovy Malfiori

Consulenti di Web Marketing e Comunicazione per lavoro, Blogger innamorati della Gran Bretagna per passione.

Sito web | Vedi tutti i post di questo autore

Nuovi articoli

Il fascino delle tradizionali stazioni balneari britanniche

vista porto con case e barche di giorno
Il fascino delle tradizionali stazioni balneari britanniche

Royal Ascot At Home

regina elisabetta e principe filippo su una carrozza salutando la folla
Royal Ascot At Home

Passeggiate da sogno lungo l'England Coast Path

vista sulla costa con fiori e tramonto
Passeggiate da sogno lungo l'England Coast Path

Ricetta del Cornish Pasty

vassoio con una serie di cornish pasty crudi
Ricetta del Cornish Pasty

8 classici britannici per sognare nuovi viaggi in Gran Bretagna

8 classici britannici per sognare nuovi viaggi in Gran Bretagna