Mary King's Close: Edimburgo sotterranea e misteriosa

by Gianluca Vecchi & Giovy Malfiori
Thursday 19 October 2017

Scozia: terra di leggende, misteri e soprattutto fantasmi. Nemmeno Edimburgo sfugge a questa tradizione. Qui però gli spettri non si trovano solo in qualche antica dimora, nei cimiteri o nei castelli, ma anche nei vicoli della Old Town (la Città Vecchia). Vuoi avere la possibilità di avvistarne qualcuno e, contemporaneamente, vedere una parte incredibile e poco nota della capitale scozzese? Basta che ti rechi nel centralissimo Royal Mile, anzi sotto di esso, per discendere nell'oscuro Mary King's Close.

Royal Mile, Edimburgo
Royal Mile, Edimburgo

Il Mary King's Close è un quartiere che si trova letteralmente sottoterra. Venne sepolto nel XVIII secolo durante la costruzione il Royal Exchange (la Camera di Commercio), per fare da fondamenta al nuovo edificio, e da allora è rimasto praticamente intatto. Anche se naturalmente oggigiorno è disabitato, la gente ha continuato a viverci e a lavorarci per secoli: l'ultimo occupante è stato mandato via forzatamente nel 1902.

Da sempre su questo luogo, per lungo tempo inaccessibile, si raccontano storie di fantasmi. Ora invece esplorare il Mary King's Close è possibile per chiunque, tramite la guida di personaggi dell'epoca che accompagnano i visitatori alla sua scoperta. Ma bisogna fare attenzione: durante il tour rivelazioni e sorprese inaspettate si nascondono dietro ogni angolo. Sei avvisato!

Qual è la vera storia del Mary King's Close? I close sono gli stretti vicoli tipici del centro di Edimburgo, che si dipartono dalla famosa strada detta Royal Mile verso l'esterno. Queste strade erano densamente popolate e oltre alle abitazioni vi si trovavano numerose attività commerciali, sia legali che illegali. Mary King era una donna d'affari del XVII secolo, che possedeva alcune proprietà all'interno del close che oggi porta il suo nome.

Nel 1645 a Edimburgo vi fu una grave epidemia di peste bubbonica, e il Mary King's Close fu uno dei quartieri più colpiti dal morbo. La leggenda racconta che gli accessi al vicolo furono chiusi, e che gli abitanti vennero lasciati semplicemente al loro destino o addirittura murati vivi dentro le case. Si dice che gli spettri di quegli sventurati infestino gli edifici, e vi sono molte testimonianze di fenomeni paranormali.

La pestilenza in seguito passò e il vicolo ritornò lentamente alla vita. Quando nel XVIII secolo si decise di costruire il Royal Exchange proprio lì, naturalmente c'era bisogno dello spazio necessario per farlo. In quella zona la pendenza del terreno era abbastanza pronunciata, così le case che si trovavano più in alto furono demolite, mentre quelle più in basso furono sepolte intatte, per essere sfruttate come fondamenta. Il Royal Exchange esiste ancora, e con il nome di City Chambers ora ospita il Consiglio Municipale.

Come accennato prima il Mary King's Close, nonostante fosse diventato un ambiente sotterraneo, continuò ad essere abitato ancora per molto tempo. Dopo che l'ultimo occupante se ne andò, all'inizio del XX secolo, il quartiere rimase abbandonato e chiuso al pubblico. Nel 2003 venne riaperto come sito storico e turistico, e così una parte importante della storia di Edimburgo è potuta finalmente tornare alla luce del sole. O quasi...

Edimburgo

Come arrivare a Edimburgo

L'aeroporto di Edimburgo è raggiunto da voli diretti dall'Italia, ed è collegato al centro città dal servizio navetta Airlink. I biglietti per l'Airlink possono essere acquistati in anticipo via Internet.

Con il treno Edimburgo è raggiungibile da Londra in circa 4 h 30 min, da Liverpool in circa 4 h, da Manchester in circa 3 h 30 min. Per pianificare i tuoi spostamenti con i mezzi pubblici puoi consultare i siti web Traveline (che riguarda l'intera Gran Bretagna) oppure Traveline Scotland (riservato alla Scozia).
 

Come visitare il Mary King's Close

L'ingresso del Mary King's Close si trova direttamente sul Royal Mile, a sinistra del porticato che conduce alle City Chambers, proprio di fronte alla Cattedrale di St Giles. Trovarlo è facilissimo, comunque se ha bisogno di ulteriori informazioni consulta la pagina delle indicazioni stradali sul sito web dell'attrazione.

Il Mary King's Close è aperto tutto l'anno e tutti i giorni della settimana, con l'eccezione del 25 dicembre. L'ingresso è a pagamento, mentre l'eventuale accompagnatore di un disabile può entrare gratis. La visita è possibile solo partecipando a uno dei regolari tour guidati. I bambini fino a 4 anni non sono ammessi, e i ragazzi fino a 15 anni devono essere obbligatoriamente accompagnati da un adulto. Dato il tipo di percorso, carrozzine e sedie a rotelle non possono entrare. È vietato fotografare.

C'è un tour ogni 15 minuti, a partire dalle 10:00 (09:30 in agosto). Hanno la durata di un'ora circa, e l'ultima partenza è fissata alle 21:00 (da fine marzo a ottobre) oppure alle 17:00 (da novembre a fine marzo). Tutti i venerdì e sabato il tour finale inizia alle 21:00, in qualsiasi stagione. Data la grande affluenza, soprattutto in estate, è consigliabile acquistare il biglietto in anticipo. Con un piccolo sovrapprezzo si può effettuare anche un tour addizionale in superficie.

Per informazioni complete su prezzi, orari, organizzazione e modalità d'accesso consulta la pagina dedicata ai visitatori [http://www.realmarykingsclose.com/plan-your-visit.aspx] sul sito web del Mary King's Close.

 

Autore

Gianluca Vecchi & Giovy Malfiori

Consulenti di Web Marketing e Comunicazione per lavoro, Blogger innamorati della Gran Bretagna per passione.

Sito web | View all author blogs

Articoli più recenti

Stratford-upon-Avon: un itinerario nella città natale di William Shakespeare

Stratford-upon-Avon: un itinerario nella città natale di William Shakespeare

A piedi per Oxford: scoprire la sua storia e visitare i college della sua università

A piedi per Oxford: scoprire la sua storia e visitare i college della sua università

3 buoni motivi per visitare Canterbury

3 buoni motivi per visitare Canterbury

I luoghi più spaventosi della Gran Bretagna

I luoghi più spaventosi della Gran Bretagna

Scopri i luoghi di Vittoria e Abdul

Scopri i luoghi di Vittoria e Abdul