Perché visitare Birmingham e i suoi dintorni

by Gianluca Vecchi & Giovy Malfiori
Tuesday 14 July 2020

Birmingham è la seconda città più popolata del Regno Unito ed è davvero un luogo interessante. È collegata direttamente dall’Italia anche da note compagnie di voli lowcost ma resta una delle città poco scelte dai viaggiatori italiani che si trovano in Gran Bretagna. Eppure, ha molto da dire. Ecco alcuni motivi per visitare Birmigham e le West Midlands e conoscere così una splendida regione inglese.

Birmingham è la città dei Peaky Blinders

Narrow boats in Birmingham
Avrai sicuramente visto la serie tv Netflix Peaky Blinders, vero? Thomas Shelby e soci sono realmente esistiti nella Birmingham dei primi trent’anni del ‘900. I Peaky Blinders erano una sorta di gang di malviventi, capaci davvero di fare il bello e il cattivo tempo in città. Non si chiamavano Shelby ma la storia della serie è realmente ispirata a ciò che successe a Birmingham in quegli anni. Il luogo da vedere per ritrovare l’atmosfera alla Peaky Blinders è la zona dei canali di Gas Street.

 

Fai un salto alla Library of Birmingham

Library of Birmingham
Birmingham è stata pesantemente bombardata durante la Seconda Guerra Mondiale. In città, infatti, c’erano moltissime aziende e officine meccaniche che lavoravano per l’esercito britannico e ciò ha segnato in maniera decisa il suo destino. Per questo motivo, Birmingham risulta molto moderna. Alcuni edifici della città sono sorti in un’epoca in cui lo stile architettonico principale era il brutalismo. Diciamocelo: piaceva a pochi. Un po’ di anni fa, la grande biblioteca brutalista di Birmingham si è trasformata in un edificio scintillante. Visitala… è gratuita e Sali fino al tetto, se il tempo lo concede.

 

Qualcuno ha detto Preraffaeliti?

Birmingham Art Gallery
I Preraffaeliti (o, per dirla bene, la Confraternita dei Preraffaeliti) erano degli artisti di epoca vittoriana. Le loro opere sono un ponte tra romanticismo e decadentismo, con quella giusta dose di simbolismo che non guasta mai. Gli esponenti maggiori sono Dante Gabriele Rossetti, John William Waterhouse e, sicuramente, Edward Burne-Jones che, guarda caso, era proprio di Birmingham. La città vanta un museo – il Birmingham Museum and Art Gallery – davvero interessante per vedere alcune delle più belle opere dei Preraffaeliti. Ovviamente il museo è gratuito. Una curiosità: la cattedrale di Birmingham è l’unica chiesa al mondo con delle vetrate preraffaelite. Anche se troverai un assaggio già dentro al museo, vai a vederle: ne vale la pena.

 

Balti come se piovesse


Hai mai sentito parlare della cucina Balti? Si tratta di un particolare tipo di gastronomia indiana che si è diffusa in Inghilterra negli Anni ’70 e che porta Birmingham dentro la lista delle città dove mangiare indiano in Gran Bretagna. Le Balti Houses a Birmingham sono in ogni dove, adatte a ogni tipo di budget. Prova e deliziati!

 

Scopri la Black Country

Black Country Museum, Dudley Canal, Dudley.
Birmingham si trova ai margini di una zona molto particolare all’interno delle West Midlands: la Black Country. Quello che si dice di questa zona è che “la Black Country è nera di giorno e rossa di notte”. Che cosa significa? Il detto fa riferimento alla grande estrazione di carbone che, fino agli Anni ’70, veniva portata avanti in zona. Il rosso notturno, invece, si riferisce alla grande quantità di officine e fucine pronte a mostrare, anche di notte, il colore del fuoco utilizzato per fondere i metalli o per chissà che lavoro. A circa una ventina di minuti da Birmingham, nel paese di Dudley, si trova il Black Country Living Museum. Questo museo è da visitare se vuoi scoprire la storia della zona e, perché no, deliziarti gli occhi con il living museum più bello di Gran Bretagna. Come se ciò non bastasse, la zona è stata usata per girare Peaky Blinders. Non ti sarà difficile riconoscere i luoghi della serie.

 

Cammina in compagnia di Tolkien

Sarehole Mill Birmingham
Birmingham è una delle due città a cui era più legato J.R.R. Tolkien, autore de il Signore degli Anelli. Si dice che abbia attinto proprio dalla campagna delle West Midlands per raccontare la contea, così come alle officine della Black Country per immaginare parte del suo mondo fantastico. Tolkien è cresciuto proprio non distante da Egbaston, nell’area metropolitana di Birmingham. Nella zona esiste anche un Tolkien Trail da seguire se vuoi scoprire qualcosa di più sulla vita di questo grande autore.

Un po’ di musica non guasta mai

The ICC Birmingham, exterior
Birmingham è una delle città che, musicalmente parlando, ha dato di più alla Gran Bretagna. Lo sapevi? La città ha dato vita ad artisti e gruppi musicali in molte epoche. I più famosi? Iniziamo proprio da un must: i Black Sabbath e Ozzy Osborne sono di Birmingham. Ami il sound un po’ più Anni ’80? Allora perché non citare gli UB40? Ovviamente, citando gli Anni ’80, non si può non parlare di Duran Duran. Salendo, invece, verso l’Olimpo assoluto del Rock, il nome da fare è uno solo… quello di uno dei più celebri figli di Birmingham: Robert Plant. Concludiamo con un gruppo famoso anche nel nostro periodo: gli Editors. Ebbene sì, anche loro sono figli di questa grande città.

 

 

Autore

Gianluca Vecchi & Giovy Malfiori

Consulenti di Web Marketing e Comunicazione per lavoro, Blogger innamorati della Gran Bretagna per passione.

Sito web | Vedi tutti i post di questo autore

Nuovi articoli

Il fascino delle tradizionali stazioni balneari britanniche

vista porto con case e barche di giorno
Il fascino delle tradizionali stazioni balneari britanniche

Royal Ascot At Home

regina elisabetta e principe filippo su una carrozza salutando la folla
Royal Ascot At Home

Passeggiate da sogno lungo l'England Coast Path

vista sulla costa con fiori e tramonto
Passeggiate da sogno lungo l'England Coast Path

Ricetta del Cornish Pasty

vassoio con una serie di cornish pasty crudi
Ricetta del Cornish Pasty

8 classici britannici per sognare nuovi viaggi in Gran Bretagna

8 classici britannici per sognare nuovi viaggi in Gran Bretagna