Richmond Park: cervi e daini in libertà a Londra

by Gianluca Vecchi & Giovy Malfiori
Monday 23 October 2017

Cervi e daini in libertà a Londra? Sì, non hai letto male. Per vederli basta che ti rechi a Richmond Park, che con i suoi circa 1000 ettari di superficie è il più grande dei Parchi Reali presenti nella capitale della Gran Bretagna, oltre ad essere il suo più vasto parco recintato. Richmond Park si trova al centro di un grande polmone verde del quale fanno parte Bushy Park, Marble Hill Park, Kew Gardens, Putney Lower Common e Wimbledon Common. Non c'è bisogno di aggiungere che si tratta di una zona davvero magnifica.

Richmond Park

Breve storia di Richmond Park

La storia di Richmond Park inizia già nel XIII secolo, ai tempi di Edoardo I, quando quest'area era conosciuta con l'appellativo di Manor of Sheen (Tenuta dello Splendore). Il nome Richmond le venne assegnato nel XV secolo, ai tempi di Enrico VII, il re che sconfisse Riccardo III e che divenne il capostipite della dinastia dei Tudor. Nel XVII secolo Carlo I, che sarà in seguito ucciso dai Parlamentari durante la Guerra Civile inglese, lo trasformò in parco per cervi e riserva di caccia, facendolo poi recintare. Al giorno d'oggi i cervi reali e i daini ci sono ancora, però fortunatamente non si cacciano più. Richmond Park, oltre a essere diventato un parco pubblico, è ora una riserva naturale.

Cosa fare e vedere a Richmond Park

Dai punti più alti del parco la visuale può arrivare fino al centro di Londra. Una delle alture si chiama King's Henry Mound e il suo nome deriva da una leggenda riguardante Enrico VIII. Si dice infatti che il re sia salito su questa collinetta aspettando di vedere un razzo sparato dalla Torre di Londra, il segnale che sua moglie Anna Bolena era stata decapitata.

Gli amanti della natura non saranno delusi dalla flora e dalla fauna di Richmond Park. L'attrazione più interessante dal punto di vista naturalistico è senza dubbio l'Isabella Plantation, un famoso giardino che si trova in un bosco risalente all'epoca Vittoriana. Qui si trova una vasta collezione di azalee, rododendri e camelie. Inoltre nel parco sono presenti molte specie d'uccelli, alcune delle quali nidificano proprio in loco.

Nel Richmond Park si trovano due edifici molto importanti dal punto di vista storico, culturale e sociale: la White Lodge e la Pembroke Lodge. La White Lodge è stata una residenza reale, fatta costruire da Giorgio II nel XVIII secolo, che ora ospita la Royal Ballet School. La Pembroke Lodge è anch'essa d'epoca Georgiana, però ha iniziato la sua storia ospitando un cacciatore di talpe. In seguito fu data in uso a vari membri della nobiltà e dell'alta società: qui vissero John Russel (Primo Ministro ai tempi della regina Vittoria) e suo nipote Bertrand Russel (il famoso matematico e filosofo). Ora è una delle migliori sale da tè di Londra e una location per ricevimenti di matrimonio.

Nel parco si possono anche praticare diversi sport. Nei dintorni vi sono alcuni maneggi per l'equitazione e al suo interno c'è un campo da golf pubblico, il Richmond Park Golf Club. Inoltre è possibile pescare, fare il kiteboarding e giocare a rugby.

Cosa fare e vedere nei dintorni di Richmond Park

Una visita al Richmond Park può diventare l'occasione per esplorare i dintorni e raggiungere diversi luoghi d'interesse, tutti a pochi chilometri di distanza.

A nord-ovest c'è lo stadio di Twickenham, casa della Nazionale Inglese di rugby e tempio mondiale di questo sport, dove potrai fare il tour della struttura e visitare il suo museo. A sud-ovest si erge il celebre Palazzo di Hampton Court, la stupenda residenza appartenuta a Enrico VIII. A est invece si trova The All England Lawn Tennis and Croquet Club, che in termini più semplici è la sede del torneo di Wimbledon, dove potrai visitare sia il Museo del Tennis che i campi da gioco.

Come arrivare a Richmond Park

Richmond Park si trova nel sobborgo di Richmond upon Thames, circa 15 km a sud-ovest della City di Londra. Per raggiungere il parco consulta la pagina dedicata ai visitatori del sito web dei Parchi Reali,  dove troverai anche tutte le informazioni su orari d'apertura, norme d'accesso e regole di comportamento per quanto riguarda protezione degli animali.

Se vuoi visitare Londra ricorda di munirti della Oyster Visitor Card, la tessera ricaricabile che ti permette di viaggiare sui mezzi pubblici della capitale inglese usufruendo di utilissimi sconti e vantaggi.

Con il London Pass invece entrerai in 80 attrazioni turistiche londinesi senza pagare il biglietto. Inoltre eviterai le file all'ingresso di alcuni famosi luoghi d'interesse, come ad esempio lo Zoo di Londra, Hampton Court, la Cattedrale di St Paul, i Kew Gardens e la London Bridge Experience.
 

Autore

Gianluca Vecchi & Giovy Malfiori

Consulenti di Web Marketing e Comunicazione per lavoro, Blogger innamorati della Gran Bretagna per passione.

Sito web | View all author blogs

Articoli più recenti

Stratford-upon-Avon: un itinerario nella città natale di William Shakespeare

Stratford-upon-Avon: un itinerario nella città natale di William Shakespeare

A piedi per Oxford: scoprire la sua storia e visitare i college della sua università

A piedi per Oxford: scoprire la sua storia e visitare i college della sua università

3 buoni motivi per visitare Canterbury

3 buoni motivi per visitare Canterbury

I luoghi più spaventosi della Gran Bretagna

I luoghi più spaventosi della Gran Bretagna

Scopri i luoghi di Vittoria e Abdul

Scopri i luoghi di Vittoria e Abdul