Scottish Borders: un itinerario per scoprire la regione a sud di Edimburgo

by Gianluca Vecchi & Giovy Malfiori
Tuesday 21 August 2018

Possiamo definire “Scottish Borders” la regione che si estende dal sud della città di Edimburgo fino al confine con l'Inghilterra. Si tratta di una zona piena di storia e di storie da raccontare, uno di quei pezzi di Scozia che, spesso, non viene preso in considerazione per un viaggio on the road in quella parte della Gran Bretagna o viene attraversato velocemente per raggiungere la capitale scozzese. Vale la pena di rallentare e fermarsi a visitare questa parte di Scozia? Certamente sì. E magari anche in autunno, quando la natura crea colori che non si possono descrivere a parole.

Come raggiungere gli Scottish Borders
Come raggiungere gli Scottish Borders

Se vuoi arrivare in Scozia in aereo, ti consigliamo di prendere un volo low-cost per Edimburgo. Volare su Glasgow aggiungerebbe un'ora o poco più di strada al tuo spostamento. Dalla capitale scozzese puoi noleggiare un'auto o utilizzare i mezzi pubblici per spostarti verso sud. L'itinerario che stiamo per raccontarti forma un anello di circa 240 chilometri con partenza e ritorno a Edimburgo. Il tempo per vivere al meglio questo percorso? Almeno una settimana, alla quale aggiungerai i giorni per esplorare Edimburgo o Embra, come la chiamano i locali. Partiamo?
 

Peebles, lungo il Tweed
Peebles Scottish Borders

I Borders sono caratterizzati dallo scorrere del fiume Tweed, lungo il quale troverai la cittadina di Peebles. Questo è un ottimo punto di riferimento per iniziare a conoscere gli Scottish Borders e inoltrarti nella loro storia e in quella dei personaggi che l'hanno caratterizzata. Come John Buchan, un gran personaggio che fu scrittore e governatore del Canada in nome e per conto di Giorgio V. Peebles è anche una graziosa market town e un luogo interessante da tenere come base se amate camminare o andare in mountain bike. Insomma, una vera e propria porta d'ingresso nel territorio degli Scottish Borders.

 

Melrose e la sua abbazia
Abbazia di Melrose

Gli Scottish Borders sono terre di grandi e antiche abbazie lasciate in mano allo scorrere del tempo. Se ami i luoghi dall'aspetto gotico dove gli archi e le colonne si stagliano verso il cielo, la prossima tappa farà proprio per te! Stiamo parlando di Melrose con la sua splendida Melrose Abbey. L'origine di questo complesso risale al XII Secolo e venne distrutto alla fine del 1300 per mano di Riccardo II Plantageneto. Altri assalti seguirono anche nei secoli successi. Cosa rende speciale l'Abbazia di Melrose oltre alla sua bellezza senza tempo? Una leggenda dice che qui venne sepolto il cuore di Robert The Bruce (il corpo si trova a Dumferline, vicino a Edimburgo), colui che divenne re di Scozia negli anni in cui visse anche William Wallace. Questo luogo è così intriso della mitologia e della storia di Scozia che Sir Walter Scott volle comprare una casa proprio qui vicino. Vale la pena di fermarsi per una visita, no?
 

Jedburgh, tra castello e abbazia
Abbazia di Jedburgh

Se vorrai, questo itinerario ti porterà ad ammirare tre abbazie. Quella di Jedburgh è la seconda e si trova nell'omonimo paese dove troverai anche un castello costruito nel XIX Secolo e diventato una prigione. Il Castello si può visitare con tanto di audioguida per avere tutte le spiegazioni del caso. L'Abbazia di Jedburgh è un altro di quei gioielli scozzesi senza tetto, resi immortali dal tempo che passa. Qui troverai anche un Centro Visite e un giardino di piante officinali. Anche l'Abbazia di Jedburgh risale al XII Secolo e ti lascerà senza parole.
 

Kelso, l'ultima abbazia di questo viaggio
Abbazia di Kelso

Se le Highlands sono terre di castelli, i Borders sono proprio la terra delle abbazie in rovina (ma i castelli non mancano). Kelso è una piccola città sorta sempre lungo il corso del fiume Tweed, corso d'acqua che ti accompagnerà per questo viaggio alla scoperta degli Scottish Borders. Kelso è una cittadina che potrai tenere come base per fermarti un paio di notti e goderti la tranquillità della zona. Qui troverai molto da vedere. Come ti dicevamo, troverai la Kelso Abbey pronta a conquistarti ma si contenderà lo scettro della meraviglia con il Floors Castle, ovvero il più grande castello scozzese non abitato. Non ripartire da qui prima di averlo visitato ed esserti concesso un paio d'ore di passegiata nella campagna circostante.
 

St. Abb: il villaggio e la sua riserva naturale
Riserva Naturale di St.Abb

Eccoci arrivati sulla costa degli Scottish Borders. St. Abb è un piccolo villaggio molto carino e dove non ti dovrai stupire se vedrai in giro gente con la muta e la tavola da surf. Le spiaggia di Coldingham Bay è un luogo molto popolare per chi ama calvacare le onde. Questo luogo è conosciuto anche per la Riserva Naturale di St. Abb's Head, luogo protetto e custodito dal National Trust, dove vivere una giornata a contatto con la natura.

Da St. Abb segui la strada costiera verso nord e torna così a Edimburgo ammirando il lato più selvaggio degli Scottish Borders, quello che guarda il mare del Nord.

 

Autore

Gianluca Vecchi & Giovy Malfiori

Consulenti di Web Marketing e Comunicazione per lavoro, Blogger innamorati della Gran Bretagna per passione.

Sito web | Vedi tutti i post di questo autore

Nuovi articoli

7 cose da fare nel sud-est dell'Inghilterra

7 cose da fare nel sud-est dell'Inghilterra

Scottish Borders: un itinerario per scoprire la regione a sud di Edimburgo

Itinerario Scottish Borders
Scottish Borders: un itinerario per scoprire la regione a sud di Edimburgo

Un itinerario per scoprire on the road la Cornovaglia

Itinerario per scoprire la Cornovaglia
Un itinerario per scoprire on the road la Cornovaglia

Cosa fare nei dintorni di Salisbury

Cosa fare nei dintorni di Salisbury

9 hotel spettacolari per passeggiare in autunno

Glenfinnan hotel, Scotland
9 hotel spettacolari per passeggiare in autunno