7 modi per avvicinarsi di più alle stelle in Gran Bretagna

Thursday 30 June 2016

La sfavillante gamma di eventi e siti legati all’astronomia in Gran Bretagna ti lascerà a bocca aperta. La tradizione britannica nel campo dell’astronomia non ha rivali, da antichi siti di osservazione alla più antica società astronomica del mondo, fino agli osservatori all’avanguardia e a stupefacenti punti di osservazione del cielo stellato.

1. Tocca con mano un meteorite nella casa del tempo

The Royal Observatory in Greenwich, London

L’Osservatorio Reale di Greenwich, a Londra, è il progenitore di tutto ciò che ruota intorno all’astronomia. C’è un buon motivo per cui il sito è stato nominato Patrimonio mondiale astronomico e archeo-astronomico (oltre ad appartenere a un quartiere di Londra considerato Patrimonio mondiale dell’Unesco). Costruito nel 1675 e operativo fino agli anni ‘50, l’osservatorio era noto in tutto il mondo per la sua precisione e la sua influenza, ed è proprio per questo che il Giorno Universale inizia ufficialmente dal Greenwich Mean Time.

Al giorno d’oggi è possibile ammirare al suo interno strumenti del XVIII e del XIX secolo utilizzati presso l’Osservatorio, avere un incontro ravvicinato con un meteorite risalente a 4,5 miliardi di anni fa e sostare sulla linea che rappresenta il punto di riferimento per i fusi orari di tutto il mondo, il cosiddetto Meridiano Primo.

2. Allineati con le stelle a Stonehenge

Stonehenge at sunset

Oltre a essere il circolo megalitico più sofisticato al mondo dal punto di vista architettonico, Stonehenge è anche un simbolo chiave dell’antica astronomia. Come l’Osservatorio Reale di Greenwich, è un sito Patrimonio astronomico e archeo-astronomico mondiale. Queste pietre neolitiche sono perfettamente allineate lungo l’asse che collega i punti dove sorge il sole nel solstizio d’estate e dove tramonta nel solstizio d’inverno (vale a dire che sono approssimativamente orientate lungo l’asse da sud-ovest a nord-est).

Questo spiega i leggendari raduni del solstizio d’estate a Stonehenge, che si ripetono in varie forme da millenni.

3. Impara dai professionisti della Royal Astronomical Society

La più antica società astronomica al mondo venne istituita nel 1820, ottenne la concessione reale da Guglielmo IV nel 1831 ed è ancora attiva nel XXI secolo. Nel 1874 trasferì la sua sede presso l’impressionante Burlington House a Piccadilly, Londra, dove si trova tuttora.

Burlington House ospita anche le popolari conferenze gratuite della Royal Astronomical Society del mezzogiorno e della sera. Arriva in tempo per assicurarti un posto e ascoltare alcuni dei più importanti scienziati del mondo discutere della caccia ai meteoriti in Antartide e su cosa ci riserva il futuro per quanto riguarda le esplorazioni lunari.

4. Osserva le stelle dal sito di un monastero in rovina all’interno di una Dark Sky Reserve

L’intero Parco nazionale del Brecon Beacons del Galles costituisce una Dark Sky Reserve, vale a dire una riserva a tutela del cielo stellato. Raggiungi questi punti per vivere un’emozione in più! Monta la tenda presso il monastero di Llanthony e ammira il cielo stellato all’ombra delle rovine di un’abbazia del XIII secolo e delle splendide Black Mountains.

In una notte serena, raggiungi il bacino idrico dell’Usk Reservoir, e osserva le stelle riflesse nelle sue acque. Se non sei amante del campeggio, soggiorna presso lo Stargazers Retreat, una stalla ristrutturata provvista di un mini osservatorio e di un telescopio con filtro solare.

5. Ammira le stelle con un ranger del Dark Sky Park

Il Galloway Forest Park in Scozia è buio quasi quanto la camera oscura di un fotografo. Nel cielo potete scorgere oltre 7.000 stelle e la Via Lattea.

Puoi anche ringraziare la tua stella portafortuna e affidarti a Nick Robertson, un Dark Sky Ranger e una guida turistica presso 4x4 Treks Galloway. Ti condurrà in auto negli angoli migliori del parco per l’osservazione del cielo e ti spiegherà quello che vedi a occhio nudo e anche attraverso un binocolo. Il Selkirk Arms Hotel organizza anche fine settimana di osservazione celeste con astronomi professionisti.

6. Unisciti a centinaia di astronomi in occasione del più grande star party d’Europa

Due volte all’anno centinaia di astronomi discendono verso il Kelling Heath Holiday Park nel Norfolk del nord per dedicare un fine settimana all’osservazione del cielo, a conferenze e a “banchetti astronomici”. Si dice che la loro riunione dell’equinozio d’autunno sia la più grande d’Europa.

Per loro la visibilità del cielo è molto impotante e impongono regole severe sulle luci nel campeggio, quindi ti consigliamo di portare solo torce a luce rossa e nessuno schermo digitale. Kelling Heath offre cabine in legno e lussuosi alloggi per le vacanze, ma gli appassionati di osservazione astronomica preferiranno prenotare un appezzamento per la tenda nel Red Field – il punto più lontano dalle luci artificiali.

7. Esplora un centro astronomico attivo

Nel 2016 l’Osservatorio Jodrell Bank di Manchester – uno dei luoghi più importanti al mondo per lo sviluppo della radioastronomia – festeggia il 70° anniversario con un calendario di eventi che dura un anno intero.

Jodrell è un centro attivo di astronomia, scienza e ingegneria, in cui potrai ascoltare il suono del Big Bang e ammirare l’enorme superficie del telescopio Lovell (uno dei radiotelescopi più potenti del mondo) mentre moderni astrofisici continuano le loro ricerche. Ci sono inoltre diversi tipi di eventi, discussioni e laboratori, da sessioni di approfondimento con gli esperti locali a corsi di astrofotografia per principianti.

Articoli più recenti

5 castelli da fiaba dove puoi alloggiare

Vai
5 castelli da fiaba dove puoi alloggiare

Tradizioni ed etichetta del Royal Ascot

Vai
Royal Ascot. Arrivo della famiglia Reale.
Tradizioni ed etichetta del Royal Ascot

Londra, 5 cose da fare in ogni stagione: estate

Vai
Londra, 5 cose da fare in ogni stagione: estate

15 modi per risparmiare in Gran Bretagna

Vai
15 modi per risparmiare in Gran Bretagna

Yorkshire, non solo i Moors: alla scoperta della costa

Vai
Yorkshire, non solo i Moors: alla scoperta della costa