La Gran Bretagna della Regina Vittoria

by Gianluca Vecchi & Giovy Malfiori
Wednesday 13 October 2021

Fino all’avvento del regno di Elisabetta II (per ora arrivato a 69 anni), il periodo in cui la Regina Vittoria è rimasta sul trono è stato il più lungo della storia della Gran Bretagna. Quella che viene denominata come Epoca Vittoriana non designa, solamente, un periodo storico importante ma rappresenta un modo di vivere, una moda nel vestire, una tipologia di letteratura che rimasta immortale e molto altro. Dobbiamo alla Regina Vittoria e suo consorte Albert molto di quello che definiamo tradizionalmente britannico al giorno d’oggi. La vita della Regina è stata lunga e molto intensa: ci sono dei luoghi in Gran Bretagna che la raccontano più di altri, così come ci sono serie tv contemporanee pronte a trasportarci direttamente a metà del XIX Secolo. Il viaggio di oggi ci porta lì.

La Regina Vittoria tra storia e presente

Negli ultimi anni, non sono stati pochi i film e le serie tv dedicati alla Regina Vittoria. Programmi di grande successo come Downton Abbey (che si svolge nell’epoca successiva a quella vittoriana), hanno riportato i riflettori su alcuni periodi importanti della storia britannica e sui suoi protagonisti. Sulla Regina Vittoria sono stati prodotti vari film e serie tv, tra i quali possiamo ricordare The Young Victoria, Victoria e Victoria e Abdul. Li citiamo così, in ordine cronologico non per loro uscita ma per il momento della vita della regina che portano sul piccolo o sul grande schermo.

Vittoria, proprio come accadde poi con Elisabetta II, non era nata col destino di regina cucito addosso. Era figlia del quartogenito del re Giorgio III. Varie morti all’interno della famiglia reale la portarono, fin da giovane, a diventare l’erede al trono e, da quel momento, venne protetta al limite dell’estremo sia dalla madre che dai suoi parenti. Divenne regina a 18 anni e si sposò con suo cugino Albert l’anno dopo. Ebbe 9 figli e restò vedova molto presto, nel 1861. Sotto il suo dominio (fu anche nominata Imperatrice) la Gran Bretagna visse dei momenti di crescita importanti, così come non mancarono gli anni difficili.

Sul piccolo schermo, nella serie tv Victoria, è stata interpretata dalla bravissima Jenna Coleman mentre, sul grande schermo è stata scelta Dame Judi Dench come interprete di una Victoria ormai anziana.

I luoghi della Regina Vitoria: Kensigton Palace

Kensigton Palace, splendida dimora reale nel centro di Londra, è il luogo in cui è nata la Regina Vittoria. La stanza in cui vide la luce per la prima volta è denominata la Stanza della Cupola. Proprio nei giardini di Kensington si trova, oggi, una statua della sovrana. Il palazzo di Kesington fu l’ultima residenza ufficiale delle Regina prima che Buckingham Palace venisse scelto come luogo di dimora ufficiale del sovrano d’Inghilterra.

I luoghi della Regina Vittoria: il Castello di Windsor

Anche oggi, questo castello è tra i preferiti dell’attuale regina e c’è ragione per crederlo. Si tratta del castello abitato più grande d’Inghilterra ed era luogo di riposo anche per la regina Vittoria. Una curiosità: la regina era solita raggiungere Cliveden House, una dimora nobiliare non distante da lì, in barca sul Tamigi. Amava prendere il tè con i proprietari di questa grande abitazione, giardino della quale ora è gestito dal National Trust. Fu progettato da Capability Brown. Durante l’Epoca Vittoriana, vennero progettate molte delle linee ferroviarie della Gran Bretagna. La Great Western Railway, studiata da Isabard Kingdom Brunel, portò spesso la regina da Paddington a Slough, proprio vicino al castello di Windsor.

I luoghi della Regina Vittoria: Osborne House

Osborne House è una grande casa che si trova sull’Isola di Wight. Il restauro di questa dimora venne curato dal Principe Albert e la coppia passava spesso molto tempo lì. Una volta rimasta vedova, Vittoria iniziò a vivere spesso a Osborne House. Molti dicevano fosse l’unico luogo in cui potesse di nuovo essere felice. Questo palazzo è in stile Rinascimento Italiano e vide le celebrazioni di quasi tutti i giorni di Natale della regina, una volta spostata con il suo Albert. Vittoria morì proprio a Osborne House nel 1901, segnando la fine di un’epoca a dir poco segnante e indimenticabile.

Cosa hanno lasciato la Regina Vittoria e l’Epoca Vittoriana alla Gran Bretagna di oggi?

Utilizzare il termine “segnante” parlando di Epoca Vittoriana è tutt’altro che un’iperbole. Ci sono degli elementi diventati consuetudine in quel periodo che, ancora oggi, fatto parte di quella Britishness assoluta che molti viaggiatori cercano e apprezzano in Gran Bretagna. Vuoi sapere quali?

  • Alla Regina Vittoria e, soprattutto, al Principe Albert si deve l’arrivo di alcune delle tradizioni natalizie britanniche tipiche: i mercatini di Natale sono stati portati in Inghilterra proprio per volontà del Principe Albert che, tedesco, era abituato a quel genere di mercato festivo. La tradizione di inviare gli auguri di Natale con cartoline disegnate fu quasi un’invenzione della regina, per non parlare dei cori che intonano i canti di Natale.
  • Alla Regina Vittoria dobbiamo la moda dell’abito da sposa bianco. Ci sono cronache che testimoniano di spose in bianco fin dal XV Secolo ma, complice un brutto sogno di una futura regina di Francia, dal 1500 si tornò ad abiti colorati. Nel 1840 la Regina Vittoria scelse un abito bianco per le sue nozze con Albert. E da quel momento, ogni abito da sposa tradizionale fu bianco.
  • All’Epoca Vittoriana dobbiamo la diffusione dei ristoranti indiani in Gran Bretagna.
  • L’Epoca Vittoriana fu un vero propellente per l’ingegneria civile. Il celebre Suspension Bridge di Bristol vide la luce in quel periodo, così come il meraviglioso Albert Dock di Liverpool.
  • Alla coppia reale – Vittoria e Albert – dobbiamo dire grazie per la Royal Albert Hall e per il Victoria and Albert Museum, voluto da loro per l’Esposizione Universale del 1851.
  • Alla golosità della Regina Vittoria, infine, dobbiamo la nascita di dolci come la Red Velvet o la Victoria Sponge Cake.

Autore

Gianluca Vecchi & Giovy Malfiori

Consulenti di Web Marketing e Comunicazione per lavoro, Blogger innamorati della Gran Bretagna per passione.

Sito web | Vedi tutti i post di questo autore

Nuovi articoli

Vivere il meglio di Bath

View of the Bath Roman Terms, United Kingdom
Vivere il meglio di Bath

Una giornata sostenibile a Londra

battersea park cycling
Una giornata sostenibile a Londra

Il Parco Nazionale costiero del Pembrokeshire

Asheston Eco Barns, Pembrokshire, Wales
Il Parco Nazionale costiero del Pembrokeshire

4 attività irrinunciabili da fare ad Oxford

The Radcliffe Camera in Oxford, England
4 attività irrinunciabili da fare ad Oxford

La Scozia e il whisky: le distillerie da visitare in viaggio

La Scozia e il whisky: le distillerie da visitare in viaggio